Orbea Teams

Euskaltel Euskadi intraprende un nuovo ciclo con l’obiettivo di rimanere nell’Élite

2012-10-22

Vent’anni dopo la sua nascita, la squadra di ciclismo Euskaltel Euskadi affronta, a partire dal 1º gennaio 2013, il suo secondo grande ciclo, con un progetto rinnovato.

In questi due decenni, la squadra ‘arancione’ ha ottenuto grandi successi e il nome di Euskaltel Euskadi è risuonato in molti paesi, e così continuerà a essere. “Siamo una squadra basca orientata al mondo, che aspira a continuare a portare Euskaltel e Euskadi nei 12 paesi dei 4 continenti. Vogliamo partecipare di diritto al Tour de France e alle migliori gare. E ciò si ottiene solo facendo parte del World Tour, che ha il suo sistema di punteggio”, spiegava Igor González de Galdeano.

Per questo motivo gli obiettivi del nuovo progetto consistono nel mantenere la squadra nella UCI World Tour, la prima categoria mondiale di ciclismo, adattare la struttura della squadra alle attuali esigenze del ciclismo di élite, e promuovere il ciclismo basco di base e i valori che lo sostengono, mantenendo la filosofia del “vivaio” come principio fondamentale del progetto.

“L’obiettivo era chiaro fin dal primo momento: essere una squadra basca nel miglior campionato del mondo. Sinceramente pensiamo che sia il miglior motore per il ciclismo basco. Per rispetto alla nostra storia e ai nostri sponsor, vogliamo essere un progetto di paese leader”, dichiarava il manager della squadra.

La squadra

Per quanto concerne la squadra per la stagione 2013, Igor González de Galdeano indicava che “i grandi leader del progetto continueranno a essere Samuel Sánchez, Igor Antón e Mikel Nieve. Non cambiano nemmeno le promesse per il futuro: i fratelli Gorka e Ion Izagirre, Sicard, Landa e Pello Bilbao”. Inoltre assicurava la continuità di Mikel Astarloza, Jorge Azanza, Ricargo García, Egoi Martínez, Miguel Mínguez, Juanjo Oroz, Rubén Pérez, Adrián Sáez de Arregi, Pablo Urtasun e Gorka Verdugo.

A questi ciclisti si aggiungeranno Jon Aberasturi, Garikoitz Bravo, Juanjo Lobato, Tarik Chaoufi, Jure Kocjan, Ricardo Mestre, Steffen Radochla, André Schulze, Alexander Serebryakov, Ioannis Tamouridis e Robert Vrecer. La squadra sarà così formata da un totale di 29 corridori.

“La realtà ci ha obbligato a ingaggiare ciclisti siano complementari agli attuali e che rafforzino il gruppo in determinati aspetti. Sono ciclisti che ottengono punti UCI, ma che completano la squadra attuale e soddisfano le impellenti necessità emerse negli ultimi tempi. Gli ingaggi miglioreranno i nostri punti deboli: classiche e arrivi in volata. Vi sono sempre più gare che si decidono in volate di gruppo. Le classiche prendono peso nel calendario mondiale. E sono prove nelle quali noi non otteniamo risultati importanti. Stiamo pertanto rinunciando a una percentuale altissima di prove e a un calendario di punti vitale per il World Tour. Questo è ciò che cerchiamo di cambiare nel 2013”.