Andare molto lontano

31 May 2018

  • strada
  • Orbeaterritory

Pubblicato da Steph Nitsch

La preparazione evita prestazioni scadenti. È il motto che spesso si ripete nella mente di Dean Stott; una frase di saggezza pragmatica, per non dire sistematica, rafforzata da una carriera nelle forze speciali britanniche. Si tratta di una formula strategica che guida ogni azione di Dean, da quelle quotidiane alle più straordinarie, dandogli una struttura per il successo. Il suo ultimo risultato? Pedalare per tutta la lunghezza delle Americhe sulla Panamericana, dalla punta meridionale di Ushuaia, in Argentina, fino al recesso più settentrionale di Prudhoe Bay, in Alaska e, nel fare ciò, battere due Guinness dei primati.

Motivato dal suo amico ed ex collega militare, il Principe Harry, Duca di Sussex, Dean ha tracciato una rotta da 14.000 miglia a sostegno di Heads Together, un'organizzazione britannica per la salute mentale promossa dalla famiglia reale. La sua scarsa esperienza ciclistica non è riuscita a impedirgli di realizzare e perseguire questa sfida di grande portata. Con un piccolo team di supporto e due telecamere per documentare il viaggio, ha stabilito i record del più veloce viaggio in bicicletta per il Sud America (48 giorni, 54 minuti) e per l'intera Panamericana (99 giorni, 12 ore, 56 minuti), 17 giorni meno del suo predecessore.



Abbiamo incontrato Dean Stott pochi giorni dopo aver partecipato al matrimonio del Principe Harry e aver concluso questa impresa da record. Ancora esaltato per il suo successo ciclistico, gli abbiamo chiesto di riflettere sui diversi momenti che l'hanno preparato per affrontare l'insieme della sfida.

Perché hai scelto il ciclismo per difendere questa causa?

Dopo l'infortunio al ginocchio [come paracadutista nelle forze speciali], sono passato dall'essere sulla cresta dell'onda a non poter nemmeno correre 50 metri. Non mi ero reso conto di essere depresso. Quando ho scoperto il ciclismo, è stata una valvola di sfogo. Ha migliorato la sicurezza in me e la mia mentalità, senza influire in alcun modo sul ginocchio. Sono spinto dall'incessante ricerca dell'eccellenza e ho trasferito quel modo di pensare al ciclismo e a questa sfida.

Qual è stata la ragione per cui hai collaborato con Heads Together?

Si parlava molto di salute mentale in Parlamento e fuori da esso. Kate [Middleton, Duchessa di Cambridge] è una neomamma e lavora con donne che soffrono di depressione post partum. [Il Principe] William [Duca di Cambridge] è stato pilota di ambulanza aerea ed è rimasto scioccato dalla quantità di suicidi che si dovevano assistere. [Il Principe] Harry [Duca di Sussex], dopo aver prestato servizio due volte in Afghanistan, si è imbattuto in diverse situazioni complicate. I tre hanno visto parecchi problemi di salute mentale. Quando ho scritto a Harry nel maggio 2016 della mia ultima sfida, mi ha chiesto di farlo per questa nuova campagna [Heads Together] che avevano avviato.

Come ti sei unito a Orbea e agli altri tuoi sponsor?

Da non ciclista, è stato davvero difficile avvicinarsi ai marchi del ciclismo con una sfida come questa. Orbea si è appassionata alla campagna e ha rischiato laddove altri non l'hanno fatto. Quando ho ideato il concetto due anni fa, era la campagna Heads Together che attraeva gli sponsor, ma c'era anche un altro messaggio: non è mai troppo tardi per iniziare un nuovo sport. Sono le gambe e la mente il motore del successo.

Com'è stato l'inizio del tuo viaggio?

Quando sono arrivato in Argentina, mi preoccupavano i venti, non le colline. La maggior parte della Patagonia è piatta, terra aperta, che il vento attraversa dritto. Era implacabile. Pensavo che avrei avuto vento di coda, motivo per cui ho iniziato a Ushuaia invece che in Alaska, ma non è stato così. Ho avuto a che fare con venti da 40 nodi per i primi sette giorni ed ero a 39 miglia dal mio obiettivo. Ma una volta superato quel tratto, sapevo che avrei avuto vento a favore in Perù. È così che ho raggiunto il mio obiettivo e ho fatto il tempo per il primo record, con un vento di coda per 2500 chilometri.

 

 

Ti sei trovato in situazioni complicate a livello psicologico? Hai mai avuto voglia di smettere?

Grazie alla mia esperienza militare, sapevo di essere forte fisicamente e mentalmente. La mia più grande preoccupazione era di essere ostacolato dall'interferenza di altre persone. Non mi aspettavo di dover affrontare sfide sin dal primo giorno. La prima settimana è stata difficile. Mi muovo per obiettivi e mi piace essere sempre un passo avanti. Non ho avuto gravi problemi, ma ci sono stati giorni difficili a causa del tempo e mi mancava la mia famiglia.

Che cosa ti ha motivato ad affrontare una corsa così lunga?

Non ho pensato alla sfida di per sé. L'ho suddivisa in fasi, giorno per giorno. Quattro tappe al giorno, in media due ore e mezza sulla bicicletta alla volta. Era il massimo che potevo ottenere prima di annoiarmi. Senza accorgermi ho sperato il primo giorno, il secondo, poi un intero paese. A un certo punto, fare meno di 150 miglia mi sembrava una brutta giornata. L'ho considerata come una partita a scacchi con Madre Natura. È così che ho affrontato la sfida. Non pensavo fosse una cosa enorme, ma per un osservatore esterno, sì che lo è.

Hai avuto contatti con molte persone lungo il percorso e hai parlato di salute mentale?

Poiché faccio questo per una campagna di salute mentale, la gente crede che io sia un esperto. Non è così. Sono solo un ciclista. Ecco perché abbiamo una pagina di risorse sul sito che collega le persone con esperti. Abbiamo però incontrato persone lungo la strada che ci hanno raccontato le loro storie. Ci consideravano le persone adatte, ma non ritenevamo di dover dar loro delle risposte. Desideravano solo un paio di orecchie per potersi aprire. La comunicazione è importante per la salute mentale.

Qual è stata la sfida più difficile che hai incontrato durante il viaggio?

Il vento stava per farmi crollare mentalmente. Sapevo che ci sarebbero state montagne, ci sarebbero sempre state. Mi aspettavo le salire e le discese grazie al GPS. Sapevo che avrei attraversato i deserti più aridi del mondo. E conoscevo tutti i problemi meteorologici che avrei incontrato in Sud America. [Il vento] è stato un incubo a Ushuaia. Quando però sono arrivato in Texas, ho trovato un vento che non avevo mai visto in vita mia. Con una forza di 60 nodi.





In Texas hai anche ricevuto una notizia che ha condizionato l'intera sfida. Che cosa è successo?

Mia moglie ha chiamato dicendo che eravamo stati invitati al matrimonio del Principe Harry e mi sono reso conto che avrei dovuto finire entro il 102º giorno, otto giorni prima del mio obiettivo originale. Ciò mi ha creato ulteriore pressione. Così ho iniziato a pedalare tutta la notte. Era piuttosto solitario e difficile psicologicamente. Durante il giorno, perlomeno osservavo il paesaggio. Di notte invece mi concentravo soprattutto sul mio Garmin e sulla velocità. La polizia mi fermava continuamente, pensando che fosse insolito vedere un ciclista alle 2 di mattina. Il traffico però era ridotto e il vento si attenuava.

Oltre al nuovo itinerario, vi è stato anche un altro cambio di programma che ha influito sulla corsa. Di che si trattava?

Quando sono arrivato a Whitehorse, nella Columbia Britannica, cinque giorni prima di Prudhoe Bay, in Alaska, sapevo che sarei arrivato in 102 giorni. Poi qualcuno mi ha detto che quest'anno un ragazzo tedesco voleva fare [la sfida panamericana] in 100 giorni. Questo doppio cambiamento di obiettivi mi ha dato di che pensare. Credo che però sia accaduto al momento giusto; se l'avessi saputo fin dall'inizio, avrei sentito ancora più pressione.

Hai dovuto rinunciare ad alcuni giorni di riposo per arrivare in tempo alle nozze reali. È stato difficile?

Quando abbiamo iniziato, non ho mai preso in considerazione i giorni di riposo. Ho interrotto la corsa per quattro giorni, ma non sono stati di riposo. Siamo stati costretti dal maltempo, esclusivamente per i forti venti. Non avevo scelta perché, soprattutto in Texas, non sarei arrivato da nessuna parte. Sono molto impaziente. L'orologio continuava a scorrere e non potevo rilassarmi. Fremevo e avevo bisogno di tornare in sella nelle giornate di riposo. Sono contento di essere stato costretto dal tempo, altrimenti non mi sarei fermato da solo.

Ci sono dei requisiti dell'attrezzatura che hai dovuto rispettare per il Guinness. Si può elaborare la bicicletta?

È consentito un solo telaio, ma si possono cambiare varie parti come le gomme. Sulla Panamericana, la strada passa dall'asfalto liscio a terreni accidentati di ghiaia. L'ultimo tratto, 410 miglia da Fairbanks, in Alaska, ha una delle strade più difficili su cui abbia mai pedalato. La Orbea Terra ha spazio per gomme da strada e da ghiaia, motivo per cui è stata la bici perfetta.

Come ha reagito il Principe Harry a questa sfida?

L'ho tenuto al corrente della sfida e di dov'ero. Ogni volta che entravo in un nuovo paese, gli facevo sapere quanto ero lontano e gli inviavo delle foto. Era al settimo cielo. Quando l'ho visto al suo matrimonio, si è toccato la barba - i media devono aver pensato che avessi informazioni interne sul fatto che avesse intenzione di radersi o meno - e ha detto: "Sei magrissimo.”

Qual è lo stato attuale della raccolta fondi?

Siamo a 504.000 £ [al 21 maggio 2018]. Il mio obiettivo è 1 milione di sterline e la sfida non finirà fino a quando non raggiungeremo quella quantità. L'evento finale della raccolta fondi sarà il 3 luglio in occasione del Wheels Down Ball, una cena di gala a cui parteciperanno vari personaggi famosi e nella quale metteremo all'asta la bici. Tutti i fondi raccolti con questa sfida andranno a favore di otto diverse organizzazioni per la salute mentale nell'ambito di Heads Together.




 

 

altri post