Rallon, la Enduro dei desideri.

22 May 2018

  • montagna
  • Inside Orbea

Pubblicato da Orbea

Ci sentiamo davvero entusiasti, dopo che la Rallon ha ricevuto il punteggio di 9/10 dalla rivista francese VTT Mag e dall'inglese Mountain Bike Rider, è stata anche inclusa nella bibbia statunitense di Bike Mag  e sulla rivista Dirt 100, che l'ha definita “uno dei successi dell'anno”. Ripassiamo i primi test e i premi del nostro proiettile da Enduro.

 

 

Così è esattamente come aprono l'articolo nel quale dicono anche cose come "questa bicicletta è un'arma" o "la dinamica di guida super stabile ma divertente rende la Rallon una proposta molto allettante”. In Francia, nello specifico in VTT Mag, la  Rallon ha provocato "una forte impressione" per il comportamento generale della bicicletta. "Facile da guidare in salita, si comporta incredibilmente bene nelle discese più tecniche e dissestate".

 




 

Questo è stato un altro dei punti a cui ha prestato attenzione, nel Regno Unito, la rivista Mountain Bike Rider, che ha definito la Rallon M-Team che hanno testato come una "bici da competizione veloce ed efficiente”. Tanto che partecipa nelle migliori gare di Enduro del mondo con l'Orbea Enduro Team, posizionandosi tra le 10 più veloci del pianeta, grazie a Becky Cook, ed entrando nella Top 13 con Thomas Lapeyrie.

 

 

I britannici di Dirt 100 hanno voluto evidenziare alcuni aspetti come il telaio monoscocca in carbonio (OMR), che abbiamo costruito con fibre esclusive ad alto modulo ed elevata resistenza. "La sensazione è di vera qualità", sottolineano

 

 

Né troppo rigido né troppo flessibile”, dicono del telaio della Rallon M-LTD, così da raggiungere un "grande equilibrio" tra questi due concetti, aspetto essenziale anche per le caratteristiche dell'Enduro.

Per i britannici, questo equilibrio lo rende un "eccellente telaio, completato da ruote DT Swiss EX1500 da 30 mm di larghezza”. Alla fine, come hanno detto anche altre riviste specializzate, concludono con un giudizio esplicito: "Soddisfa tutti i requisiti quando è necessario".

In discesa...

"Lascia i freni e sorridi" raccomanda Mike Ferrentino di Bike Mag negli Stati Uniti. La geometria pura da enduro della Rallon - angolo di sterzo rilassato, baricentro ultra basso, passo lungo e foderi corti - ha fatto scrivere a Mike una curiosa frase di elogio: "La Rallon è stabile come una corazzata che solca un mare di cristallo”.

 

Da Ride Austria i commenti sono stati simili: "si mantiene stabile senza essere un Titanic in curva”. In questo senso, è stato decisivo il lavoro fatto con Fox per sviluppare una modifica inedita a livello mondiale: il design asimmetrico.

L'ammortizzatore leggermente spostato verso l'esterno ci ha permesso di ottenere un tubo orizzontale più basso e, a sua volta, ciò ha portato a una bicicletta molto più vicina al suolo, con una posizione di guida estremamente bassa e una grande mobilità per il ciclista.




Il risultato ha suscitato reazioni come queste: "La sospensione ha divorato tutto ciò che ha trovato sul suo percorso", di Bike Mag negli Stati Uniti, "ti domanderai... dove sono finite quelle radici?" indica MTB Mag Italia o Zach Ovard, di Contender USA, che è rimasto “stupefatto”.

Eccelle quando le cose si fanno difficili", prima di giungere alla conclusione dice che sia: "la migliore bicicletta che abbia mai guidato o avuto”. Dagli Stati Uniti, Bike Mag puntualizza: "è una bicicletta straordinariamente agile e sorprendentemente divertente da guidare”.

Per raggiungere questo obiettivo, è stata decisiva l'evoluzione del sistema di sospensione posteriore. Abbiamo ottenuto una grande sensibilità all'inizio della corsa per superare piccoli ostacoli, conferendo maggiore progressività alla fine per spremere al massimo i suoi 150 mm senza arrivare a finecorsa.

 

 

MTB Mag Italia ha potuto verificarlo sul terreno, dopo aver cercato il limite della Rallon con un SAG del 30%. "Siamo arrivati vicino al finecorsa solo due volte", commentano. La Rallon è anche stata il modello scelto per il lancio mondiale di forcelle come la Fox F36 RC2 e la Lyrik RC2.

...ma anche in salita.

MTB Mag Italia è stata una delle più categoriche per quanto riguarda la pedalata della Rallon M-Team che ha provato: “è la bici enduro che va meglio in salita, tra quelle che abbiamo testato”. Continuano: "Dobbiamo sottolineare che dove difficilmente saremmo riusciti a salire con altre bici, a parità di escursione (160mm anteriore e 150mm posteriore), con la Rallon è stato possibile".

La "sorprendente efficacia della pedalata ottenuta dalla Rallon" attraverso Advanced Dynamics - il nostro strumento software per trovare il miglior equilibrio tra l'assorbimento e l'efficienza della pedalata - ha fatto parlare molto.

 

 

"Soprattutto su terreni ripidi, si arrampica incredibilmente bene e offre molta aderenza", avvertono da Ride Austria. “Se hai la forza e la tecnica, ti divertirai anche con salite difficili”.

A migliaia di chilometri, in Australia, la rivista AMB non ha tralasciato un dettaglio decisivo della qualità della Rallon: la posizione di pedalata avanzata, grazie a un angolo di sella di 76º. Gli australiani hanno voluto essere chiari su questo aspetto, indicando che, soprattutto sulle "ardue e lunghe salite", la Rallon “si comporta come un "mezzo da 130 mm”




 

Anche in Bike Mag, negli Stati Uniti, hanno rilevato questo punto e hanno voluto dare la loro opinione: "L'angolo della sella è l'aspetto più importante per rendere una bicicletta come la Rallon una buona arrampicatrice”.

MyO, l'altro grande punto di forza

La Rallon ha l'onore di essere il modello più personalizzato fino ad oggi attraverso MyO, i mezzi di comunicazione hanno anche notato le oltre 10.000 progettazioni possibili per la bestia Enduralin. “La cura dei dettagli e l'offerta di MyO”, sono tra le tante caratteristiche evidenziate da AMB Australia, che "collocano questa bicicletta in cima alla lista delle enduro”. “Questo è un altro livello ", ha detto Dirt.

 

Negli Stati Uniti, Bike Mag voleva scherzare con i suoi lettori: “La mia fammela in nero opaco, nero lucido e con un scritta opaca che dica Blackisthe Newblack” (un gioco di parole con “Black is the new black”, letteralmente: “il nero è il nuovo nero”).

Riassumendo, un grande valore aggiunto, garantito da migliaia e migliaia di utenti, dalla stampa di tutto il mondo e, naturalmente, anche da noi.

 




altri post